mercoledì 16 settembre 2009

Sconnessi appunti su quello che (non) sto facendo e sulle stranezze che mi capitano attorno

Dopo tre mesi esatti (e dico 3!), quasi quasi penso sia il caso di scrivere qualche minchiata, giusto per sottolineare il fatto di essere ancora vivo.
Non che in questi tre mesi abbia avuto 'sto gran da fare, semplicemente non avevo alcuna voglia di mettermi davanti allo schermo e pretendere che questo blog avesse una qualche ragion d'essere. Eh sì che ogni tanto qualche idea mi veniva (un paio sono ancora in cantiere...), solo che l'inedia ha avuto la meglio.
Che dire, il fancazzo sta avendo il sopravvento e io cerco (vanamente?) di non soccombere.
Cosa è successo quindi in questi ultimi tre mesi?

Sul fronte interno:
  • Ho abbandonato l'ordine dei chimici (evviva!!!!). Le logge massoniche e le sette di varia natura mi sono sempre risultate indigeste e a conti fatti non vedo per quale ragione dovessi ogni anno regalare ad un branco di inutili parassiti 150 euro del mio duramente (ahahahah!!!) guadagnato denaro. Che poi, diciamoci la verità., ci sono modi migliori di spendere 150 euro...
  • Pur se tra alti e bassi (fisici, morali e mentali) e circondato dall'incredulità generale, ho continuato indefesso a lavorare. Che vi credete che sto qua in vacanza?
  • Ho compiuto trent'anni (cazzo!).
  • Ho condotto, a più riprese, vari amici a spasso tra la Sicilia, il Belgio e l'Olanda. Sta a vedere che mi metto a fare la guida turistica...
  • Ho ripreso le lezioni di olandese, rendendomi conto che, passata l'estate, non ricordo una beneamata mazza!
Sul fronte esterno (e qui le cose si fanno davvero interessanti):
  • Notizia del secolo!!! Anzi, del secolo e mezzo. Berlusconi si sveglia e, contemplandosi allo specchio, si rende conto di essere il miglior primo ministro in centocinquant'anni di Storia Patria! Cazzo! Addirittura migliore di Benito Mussolini! Complimenti vivissimi. Peccato che la tanto anticipata fiction sull'Abruzzo non abbia riscosso il successo sperato. Si sa, a pari quantità di cazzate, le casalinghe italiane gli hanno preferito Gabriel Garko, più giovane e aitante.
  • Giusto per ricordare che l'Italia è soprattutto un paese con alle spalle una lunga (e sofferta) storia di emigrazione, il solito Berlusconi se ne va in Tunisia a sparare cazzate, dicendo che non vede l'ora di aiutare tutta quella gente che giunge sui nostri lidi a bordo di barconi malandati. Vaglielo a spiegare a quei poveracci mentre annegano che lo stronzo era stato frainteso...
  • Vittorio Feltri (operando per conto di ignoti) comincia a lanciare velati avvertimenti a personaggi a lui poco graditi. Gianfranco Fini non ci sta e lo querela, spalleggiato da una schiera di fedelissimi cui si aggiungono, all'ultimo momento, i soliti equilibristi. Io sarò forse ottimista, fatto sta che ho cominciato a mettere assieme le carte per l'iscrizione all'AIRE, non sia mai che capiti di tornare anzitempo alle urne.
Che dire, di roba interessante ne succede. Anche troppa. Io, nel dubbio, cerco di non addentrarmici più di tanto, onde evitare di perdere quel (fioco) barlume di sanità mentale rimastomi. Chissà, magari tra qualche mese documenterò la sua definitiva scomparsa....


Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.

Nessun commento:

Posta un commento