mercoledì 3 febbraio 2010

Il Guerriero della Luce arriva per posta...

Mi è arrivato l'altroieri per posta direttamente da Israele, l'ho ascoltato al punto di sognarmelo anche la notte e, visto che in questi giorni non sono poi così impegnato, me ne sono addirittura fatto un'idea.
Mi riferisco all'ultimo album degli Orphaned Land, "The never ending way of ORwarrioOR".
Le canzoni dell'album ruotano intorno alla storia di ORwarriOR, l'orfano destinato a diventare il guerriero che farà dell'umanità un solo popolo nella battaglia finale tra la Luce e l'Ombra, racconto allegorico che si inserisce all'interno del messaggio di unificazione delle tre principali religioni abramitiche, tipico di tutti i lavori del gruppo.
Da un punto di vista più prettamente sonoro, l'album soffre forse dell'involontario confronto con il precedente. Mabool è senza dubbio un'opera che ha lasciato il segno e, volenti o nolenti, ascoltando ORwarriOR è difficile non tentare dei paragoni che spesso rischiano di risolversi a svantaggio di quest'ultimo.
Il maggior uso di strumenti provenienti dalla tradizione musicale mediorientale, fa di ORwarriOR un album dalle sonorità più morbide rispetto a quelle di Mabool, soprattutto grazie all'ampio spazio dato ai violini arabi. Talvolta si nota però una lieve disomogeneità tra i vari brani laddove Mabool presentava un affresco sonoro estremamente omogeneo.
Non mancano comunque brani particolarmente suggestivi come "Sapari", la doppia traccia "The Path", "The Warrior" e "Barakah", con il resto dell'album che gravita attorno a questi concludendosi splendidamente nell'ultima traccia a cui viene affidato il messaggio finale della band.
Nel complesso, di "The never ending way of ORwarrioOR" si può tranquillamente dire che è un gran bell'album che ha avuto la sfortuna di essere pubblicato dopo un album eccezionale.
Il resto, è puramente questione di gusti...


Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.

Nessun commento:

Posta un commento