lunedì 17 maggio 2010

Facebook no more

Alla fine l'ho fatto. Mi sono sbarazzato del mio account su facebook.
Mi ero iscritto tre anni fa, invitato da un'amica da poco trasferitasi a Londra e all'epoca non avevo la minima idea di cosa fosse, come probabilmente non l'aveva la maggior parte delle persone che oggi lo usano.
Avevo pochissimi contatti, sostanzialmente perché quasi nessuno dei miei amici usava (o conosceva) facebook e perché questo non si era ancora trasformato nel vorace centro di attenzione mediatica che è diventato negli ultimi mesi.
A conti fatti, non ho nulla contro facebook. Non lo considero un attentato alla mia privacy, non penso sia l'origine di tutti i mali del mondo né mi creava problemi l'ammasso di minchiate di cui si era infarcito nel corso degli anni.
L'unica cosa che di tanto in tanto mi dava fastidio era la banalizzazione del concetto di amicizia che era in parte insito nella sua filosofia, ma alla fine neanche quello mi aveva creato troppi problemi. Se un branco di decerebrati pensa che basti cliccare il tasto destro del mouse per diventare amico di qualcuno, bontà loro, la cosa non mi tange.
Ho già espresso le mie considerazioni sui possibili effetti dissociativi della nostra massiccia presenza in rete e neanche allora avevo trovato delle ragioni per quello che sto facendo adesso, perché alla fine non ce ne sono.
Anche oggi, se cancello il mio account non lo faccio per questioni di principio ma per puro pragmatismo. Semplicemente negli ultimi mesi mi sono accorto che lo usavo sempre meno.
E allora perché non eliminarlo del tutto?
Detto, fatto.
Può sembrare quasi un ossimoro che io abbia preso una decisione simile in questi giorni in cui mi accingo a separarmi da un bel po' di gente, ma alla fine la cosa ha una sua forte logica interna.
La vicinanza tra due persone non è qualcosa che possa essere misurata. Non ha un valore numerico né tanto meno geografico. Suonerà banale ma ho sempre considerato irrilevanti le distanze geografiche. Ci vuole qualcosa di più di qualche centinaio di chilometri per separare le persone.
E allora non sarà certo un account su internet a fare la differenza...


Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.

3 commenti:

  1. Non chiudere questo blog, però!


    Cate

    RispondiElimina
  2. Hmm.. better still email me :)

    RispondiElimina
  3. @Cate: Tranquilla, il blog penso proprio di tenerlo. Grazie piuttosto per il supporto.

    @Geh4: Hey man, sorry for the blog in Italian,luckily for the rest of the world I'm to lazy to download this crap in English. Anyway don't worry, FB or not FB it's quite unlikely you people are going to get rid of me...
    :D

    RispondiElimina